C700x420

Dimagrire: quali sono le domande più frequenti che vengono rivolte ad un dietista?

Per rispondere alle domande più frequenti che ogni soggetto si pone prima di intraprendere un percorso di dimagrimento, ci siamo rivolti al Dott. Santi Federico, dietista che opera presso la nostra struttura.

Di seguito  troverai sicuramente le risposte che stavi cercando!

-“Che differenza c’è tra dieta dimagrante e regime alimentare?”

Più che dieta o regime alimentare, sarebbe corretto parlare di educazione alimentare in quanto l’alimentazione corretta è sinonimo di uno stile di vita sano tenendo conto che la bilancia è il peggior indicatore dello stato di salute di una persona.

– “Quanto deve durare una dieta dimagrante?”

Dipende da persona a persona. Per chi ha un leggero sovrappeso, non oltre 10 chili, possono bastare 4 mesi. Seguiti, naturalmente, da un regime di mantenimento: in parole povere, dal rispetto delle buone abitudini imparate durante la dieta; cioè alimentazione equilibrata e movimento. Solo in questo modo, gli sbalzi di peso diventano un ricordo.

-“Quali sono gli alimenti che non devono mai mancare in una dieta dimagrante?”

Partendo dal presupposto che non esiste di per sé un alimento che faccia ingrassare ed uno che faccia dimagrire sostanzialmente in una dieta non devono mai mancare frutta, verdura, una parte di carboidrati(pasta, riso, pane o patate)ed una dose proteica in ogni pasto.

-“C’è una stagione in cui si dimagrisce più facilmente?”

No. Il momento migliore per inziare una dieta è quello in cui siamo più determinati a perdere peso. Mettendo in conto di muoversi più del solito: perciò è necessario evitare periodi densi di impegni o di super-lavoro. Certo: la bella stagione, con giornate più lunghe e temperatura più mite, permette di individuare con più facilità gli spazi e l’attività fisica che meno ci annoia.

-“La dieta dimagrante influirà sul mio umore?”

Assolutamente no! Una dieta non deve rendere triste perché nulla è vietato a prescindere. Con moderazione ogni alimento può essere inserito correttamente nella dieta settimanale.

-“Ho li metabolismo bloccato?”

Alcuni pazienti sono convinti di avere il metabolismo “bloccato”. Hanno provato da soli o con l’aiuto di qualcuno a perdere peso ma non ci sono riusciti e, malgrado ogni sforzo, e tutta la loro buona volontà continuano a non riuscire.

Ogni metabolismo in realtà ha un suo funzionamento particolare.

Il metabolismo riprende a funzionare quando il medico nutrizionista, dietologo o esperto in materia identifica i motivi per i quali il metabolismo si “blocca” o non svolge il proprio compito, e consigliano i provvedimenti necessari, sia alimentari che di movimento. La situazione si risolve molto bene in un tempo ragionevole. Ogni metabolismo adeguatamente “seguito” svolge il proprio compito, purchè con nutrienti opportuni ed eventualmente altre misure necessarie a ripristinare un buono stato di salute.

-“Perché fare movimento è così importante?“

Sicuramente il movimento e la corretta alimentazione sono due cose che vanno a braccetto. Ricordiamoci inoltre che più gli anni passano più un regolare movimento giornaliero è fondamentale per il nostro mantenimento e per prevenzione per quanto riguarda alcune patologie.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *