Sport Donna

Lo sport previene la depressione.

Si può sfuggire alla depressione grazie allo sport. Lo sostiene un gruppo di ricercatori della Duke University di Durham (North Carolina) che ha condotto uno studio su 156 pazienti colpiti da depressione.

La depressione è “il male oscuro” che colpisce sempre più donne, in particolar modo le lavoratrici stressate che si dividono tra lavoro e famiglia, e che non sempre viene diagnosticato.

Secondo una recente ricerca un modo efficace per prevenire la depressione è praticare sport: palestra, zumba, pilates, cyclette, difesa personale, qualsiasi attività va bene, purché ci si muova.
I ricercatori della Duke University di Durham, nel North Carolina, hanno condotto uno studio su oltre 150 pazienti affetti da depressione: il risultato è che una terapia basata sull’ attività fisica, è più efficace e con meno probabilità di ricaduta rispetto ad una terapia farmacologica tradizionale.

Lo sport come antidepressivo

L’efficacia dell’esercizio fisico nei soggetti affetti da depressione si spiega perché il miglioramento dell’umore, il controllo dell’ansia e la cura della depressione sono legati alla produzione di endorfine che il cervello rilascia durante l’attività fisica. I benefici sono possibili anche grazie agli effetti della produzione di serotonina, sostanza che regola l’umore, la cui produzione aumenta come risposta all’attività fisica. La maggior parte degli antidepressivi controllano la patologia proprio attraverso questa sostanza.
L’attività fisica produce calore che induce il nostro organismo a rilassare i muscoli, con una conseguente sensazione di benessere fisico e psicologico.

Uno studio condotto in Norvegia su 40 mila persone e pubblicato sul British Journal of Psichiatry, dimostra come praticare attività fisica durante le ore libere (non lavorative) e in compagnia possa dimezzare le probabilità di essere vittime di ansie e depressione.

L’attività fisica, in sintesi, non solo migliorerà il vostro umore ma contribuirà a migliorare la qualità della vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *