58

Prevenire l’influenza? Si può, con lo sport!

Con l’autunno arrivano le prime influenze e malattie da raffreddamento: per prevenirle basta fare dello sport!

Autunno, primi freddi, sindromi parainfluenzali e raffreddore. Con il calo delle temperature arrivano, sempre puntuali, anche i primi malanni. Man mano che si procede verso l’inverno il rischio di ammalarsi aumenta: c’è chi fa il vaccino e chi preferisce proteggersi con metodi naturali, eppure non tutti sanno che per una prevenzione semplice, efficace e naturale ci si può affidare allo sport.

Quali sono i principali fattori di rischio nella contrazione delle malattie da raffreddamento?
Ai primi posti sicuramente gli sbalzi di temperatura, che stanno caratterizzando le giornate autunnali, provocando un alternarsi di sudore e colpi di freddo ma anche gli stili di vita irregolari che rappresentano un fattore di rischio.
Ad aiutare influenza e raffreddore a colpire il nostro organismo sono anche fattori quali un’alimentazione scorretta povera di vitamine e di tutti quegli elementi la cui mancanza fa sentire i suoi effetti sulle difese.

Numerosi studi hanno però dimostrato che un’attività fisica costante, anche moderata, è il modo migliore per non ammalarsi.
Perché? Perché chi fa sport con costanza ha le difese immunitarie rafforzate rispetto alle persone sedentarie. Così, si ammala di meno e, quando si ammala, l’influenza è meno intensa.
• Alcune ricerche hanno dimostrato che gli adulti fisicamente attivi, che praticano attività fisica almeno cinque giorni a settimana, presentano sintomi ridotti dal 43 al 46% rispetto a chi pratica attività fisica solo una volta a settimana.
• Minori anche le complicazioni, come infiammazioni e virus nei polmoni.

Concludiamo con alcuni consigli, validi per tutti:
In caso di raffreddore, ci si può allenare, evitando però workout troppo intensi, facendo attenzione ai giusti tempi di recupero.
Integrate i liquidi persi con frutta, verdura e tè verde. Importante anche il sonno regolare, di 7-8 ore per notte con orari regolari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *