Sindrome Premestruale Come Combatterla Con L'attività Fisica

SINDROME PRE MESTRUALE : CHE COS’È E COME GESTIRLA.

La sindrome premestruale rappresenta un problema per moltissime donne: c’è chi si sente semplicemente più irritabile, chi invece malinconica o depressa, chi gonfia. Quasi immancabilmente, inoltre, spunta “Guastafeste” il solito brufolo enormemente fastidioso che si piazza regolarmente sul mento rovinando il nostro bel visino e non dimentichiamoci della ciliegina sulla torta: la stanchezza che ci fa crollare la sera. Insomma un completo disastro!

Di cosa si tratta e perché ne soffriamo?
Questa sindrome, meglio conosciuta come PMS (Pre-Menstrual-Syndrome), è un insieme di sintomi fisici e psicologici che insorgono circa 14 gg prima dell’inizio del ciclo mestruale nella così detta fase luteinica. Questi sintomi sono da ricondurre ad uno squilibrio ormonale dovuto ad un innalzamento del livello di estrogeni e di prolattina, responsabili dell’aumento di volume e del dolore al seno, della ritenzione idrica che causa stipsi e dell’aumento di peso, ed ad una diminuzione di dopamina e serotonina, endorfine in grado di regolare il tono dell’umore.


Quali sono i principali sintomi?
Tra i primi possiamo annoverare: gonfiore al seno o seno dolente, cefalea, aumento di peso dovuto a ritenzione idrica, stipsi, gonfiore addominale, crampi muscolari e comparsa di foruncoli. La carenza di magnesio, dovuta all’incremento della produzione di alcuni ormoni, è responsabile del mal di testa e dei dolori muscolari. Quelli psicologici, invece, coinvolgono la sfera emotiva portando a cambi di umore repentini, ansia, insonnia, irritabilità ed aggressività, crisi di pianto, stanchezza e i conosciutissimi attacchi di fame incontrollabili con voglia di alimenti dolci o in generale junk food. Questi stati depressivi transitori, invece, sono da ricondurre a carenza di Vitamina B6.

I sintomi (PER FORTUNA) scompaiono all’arrivo del ciclo mestruale.

Cosa possiamo fare per limitare i “disagi”?
Sarebbe bene seguire, nei giorni precedenti il ciclo, una dieta iposodica, ovvero povera di sale (evitare o limitare quindi alimenti quali insaccati, formaggi stagionati, pesce affumicato e prodotti da forno come pizzette, biscotti ecc.). In questo modo sarà possibile prevenire, o limitare, sintomi quali gonfiore alle gambe o addominale.
Per contrastare stanchezza e irritabilità, inoltre, risulterà d’aiuto prevedere nella dieta quotidiana abbondanti quantità di frutta, verdura e legumi (alimenti ricchi di vitamine e minerali, quali calcio e magnesio). Il magnesio può essere utile per contrastare l’affaticamento a mantenere le normali funzioni psicologiche, mentre il calcio può sostenere il metabolismo energetico. Alcuni alimenti, quali frutta secca, semi di zucca e di sesamo, germogli di soia, spinaci, carciofi, riso integrale, piselli e banane sono ottime fonti di questi minerali. Quindi se proprio non ce la fate e dovete mettere sotto i denti qualcosa, scegliete un frutto e non un prodotto da forno!

Ma l’ingrediente segreto è…
L’attività sportiva!
Il movimento, infatti, favorisce il rilascio di endorfine: ormoni che contribuiscono a un maggior senso di tranquillità. Quindi usate la palestra come valvola di sfogo, tenete duro e non dimenticate mai quali sono i vostri obiettivi!

Gaja Corbetta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *